B&B del Sangro

Pasqua e pasquetta a Pescasseroli

Bed and breakfast del Sangro. Pescasseroli e Parco Abruzzo

Natura a Pescasseroli

Pescasseroli, circondato da una cornice meravigliosa di montagne, e' adagiato ai piedi delle creste Schienacavallo, Monte Tranquillo e Monte Marsicano. E' la comunità locale più importante e popolata dell'area ed è la sede del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise. Dai boschi della Difesa e del Monte Tranquillo si può visitare un'antico santuario immerso nel fitto dei faggi. Escursioni affascinanti si inoltrano tra le foreste e le creste del massiccio del Monte Marsicano, nella valle di Prato Rosso e nella stretta e scoscesa Valle della Corte. Più a nord le radure della cicerana di Lecce nei Marsi sono luoghi magici, e i suoi boschi custodiscono tutti gli esemplari più preziosi della fauna e della flora del Parco. Oltre il monte Marcolano, i Prati d'Angro di Villavallelonga sono un angolo segreto di bellezza selvaggia. Qui l'orso è di casa nelle faggete fittissime e inviolate e tra i prati assolati racchiusi dal bosco.

Natura a Pescasseroli

Verso Gioia dei Marsi, lo stretto Vallone di Macrana offre rifugio all'Aquila reale. Scendendo lungo il corso del fiume Sangro, compare lo sperone roccioso che ospita Opi, un paesino delizioso dall'interessantissima struttura architettonica. La parte più antica dell'abitato si affaccia sulla Foce, una stretta gola attraversata dal Sangro. Diversi e interessanti sono gli itinerari naturalistici: L'altopiano della Macchiarvana è da visitare, specialmente in primavera e in autunno, quando il bosco cambia di aspetto colorandosi dei toni caldi del rosso, dell'ambra e dell'oro. Dal valico di Forca d'Acero inizia la cresta delle Pietre Rosse e della Valle Inguagnera. Dal monte San Nicola si apre l'anfiteatro montuoso della Sella delle Gravare, dei tre Mortari e del Monte Amaro: la conca dell'anfiteatro è la famosa Val Fondillo, uno dei luoghi più suggestivi del Parco. I due itinerari che l'attraversano regalano sensazioni speciali: i prati illuminati dalla luce del sole, le fronde basse dei faggi, il torrente Fondillo e il suo frusciare inconfondibile nel sottobosco dipingono un paesaggio magico e indimenticabile.

Natura a Pescasseroli

Più a sud si scopre il gruppo montuoso della Camosciara, una spettacolare e rara formazione dolomitica che racchiude come una conchiglia un paesaggio dolce e sinuoso di foreste di cerri, aceri, faggi, di boschetti di ginepro, di piccoli e grandi prati che degradano delicatamente verso la valle. I crepacci del Balzo della Chiesa, del monte Capraro e del monte Sterpi d'Alto sono nascosti talvolta dalle fronde scure di gruppi di rarissimi pini neri. Gli itinerari in questo angolo di paradiso dove madre natura è libera di manifestarsi in tutto il suo splendore sono selezionati ed esclusivi. La Camosciara è infatti una riserva integrale. In alto, sulle pendici orientali del monte Sterpi d'Alto e lungo l'antico tratturo regio, sorge il grazioso borgo di Civitella Alfedena. Di origine medievale vanta la particolare conservazione delle sue caratteristiche architettoniche e della sua integrità paesaggistica. Le case di pietra del centro storico sono tutte raccolte intorno alla chiesa barocca di San Nicola. Da Civitella Alfedena è possibile partire in escursione su itinerari veramente esclusivi oltre che visitare il museo e l'area del lupo e l'area lince. L'escursione alla Val di Rose è una delle più famose del Parco e garantisce l'incontro con branchi di camosci al pascolo.

Natura a Pescasseroli

A Villetta Barrea l'architettura di alcuni palazzi ricorda la presenza di alcune famiglie nobiliari che dominavano su una società rurale e pastorale. Alle sue spalle il Pino Nero si arrampica sulle ripide pendici del Monte Mattone. Da qui, attraverso il passo Godi e oltre i confini del Parco, si raggiungono la valle del fiume Saggittario e il caratteristico borgo di Scanno, ricco di cultura e attività tradizionali. Barrea da il nome al Lago adagiato ai suoi piedi e possiede un centro storico di grande valore. Si affaccia su una selvaggia gola scavata dal Sangro nel tempo con impazienza. Vari itinerari portano alla Valle Iannanghera, all'altopiano morenico del lago Vivo e sotto le creste della grandiosa catena montuosa che congiunge il monte Meta al monte Petroso, la cima più alta del Parco. La selva Bella, la valle del Rio Torto, le foreste sulle pendici del monte Tartaro congiungono i territori di Barrea a quelli di Alfedena.

Natura a Pescasseroli

Natura e Sport Pasqua e pasquetta

Natura. Orso marsicano Natura. Camoscio appenninico Sport. Sci fondo Sport. Escursioni
 

Pasqua e pasquetta a Pescasseroli

Pescasseroli. Storia e tradizioni

Pasqua e pasquetta a Pescasseroli. Sono trascorsi molti anni da quando Pescasseroli era un villaggio montano e tappa fondamentale per il tratturo, percorso della transumanza in Abruzzo. Per lunghi mesi coperto di neve e non si usciva di casa se non a dorso di un mulo. (...continua)

Offerte Bed & Breakfast del Sangro

    AL MOMENTO NON CI SONO OFFERTE